Ricerca Avviata

Le schede didattiche

Approfondimenti tematici sviluppati in progetti e percorsi curricolari tesi alla formazione degli alunni e alunni del Circolo, fin dalla Scuola dell'Infanzia.

Consapevolezza Mediatica

Descrizione: educare alla comprensione, fruizione ed uso consapevole dei media, soprattutto in riferimento alle dinamiche sociali e comportamentali sono le finalità del laboratorio sviluppato in classe. Si approfondirà le caratteristiche specifiche dei media e degli intermediari digitali, della capacità di gestire una identità online e offline con integrità, delle caratteristiche della socialità in rete, della gestione dei conflitti su social network. Attraverso esempi operativi, basati sul corretto uso dello strumento, gli studenti apprendono strategie comportamentali per prevenire e gestire i rischi online. In continuità con le attività sviluppate dal progetto Cogito ergo Navigo. 

Obiettivi:

1. Educazione alla comprensione fruizione ed uso consapevole dei media, soprattutto in riferimento alle dinamiche sociali e comportamentali

2. Promozione delle buone pratiche per diventare responsabili e consapevoli cittadini digitali.

Debate

Descrizione: il debate è un confronto di opinioni, regolato da modalità specifiche tra interlocutori che sostengono una tesi a favore e una contro. La metodologia didattica prevede che la posizione a favore o contro possa essere anche non condivisa dai partecipanti, che devono essere in grado di portare le argomentazioni adeguate, con regole di tempo e di correttezza, senza pregiudizi e prevaricazioni, nell’ascolto e nel rispetto delle opinioni altrui, dimostrando di possedere flessibilità mentale e apertura alle altrui visioni e posizioni. Gli esercizi di documentazione ed elaborazione critica del laboratorio, che i ragazzi svolgono per preparare un debate, insegnano loro l’importanza dell’imparare a imparare e del lifelong learning, perché nella società della conoscenza occorre costruire, gestire e aggiornare il proprio sapere in un mondo complesso. Per questo anche in ambito professionale la comunicazione e la gestione dei conflitti sono tecniche da imparare. Sostenere un dibattito ben regolato è una competenza chiave.

Obiettivi:

1. Favorire l’approccio dialettico e del public speaking;

2. Promuovere nuove forme di cittadinanza attiva e responsabile, sperimentando il lavoro di squadra;

3. Contestualizzare i contenuti della formazione alla società civile. 

Letture in Circolo

Descrizione: lo stile e le regole di discussione devono essere basati sul rispetto e sull’accoglienza dei reciproci punti di vista. Nel laboratorio, la discussione nei gruppi di lettura viene guidata da un moderatore che svolge una funzione essenzialmente metodologica e fornisce al gruppo spunti e strumenti utili per la discussione, vigila sul rispetto delle regole che il gruppo autonomamente si è dato. Le attività dei gruppi di lettura saranno svolte all’interno della biblioteca “che sono il luogo fisico in cui abitano i libri” o in spazi appositamente predisposti con disponibilità di testi o all’aria aperta.

Obiettivi:

1Promuovere un atteggiamento positivo nei confronti della lettura;

2. ·promuovere l’avvicinamento affettivo ed emozionale del bambino al libro;

3. fornire al bambino le competenze necessarie per realizzare un rapporto attivo-creativo e costruttivo con il libro.

Problem Solving in Circolo

Descrizione: il percorso di apprendimento più efficace, che sarà utilizzato per il potenziamento, non è di carattere deduttivo, dalla legge all’esemplificazione, ma induttivo: partendo da problemi reali e dal contesto quotidiano si evidenziano quegli elementi utili e si avvia una riflessione per arrivare alla generalizzazione e ad un modello matematico. Il laboratorio si caratterizza come spazio fisico e mentale, con l’utilizzo del problem posing, del problem solving, della modellizzazione per favorire e facilitare la comprensione e la decodificazione del reale. Lo studente è al centro di questo percorso induttivo, raccoglie le evidenze e le mette in relazione tra loro argomentando intorno ad una possibile soluzione; saranno, quindi, fondamentali il lavoro di gruppo e i momenti di riflessione condivisa in cui anche la discussione sull’errore è un importante momento formativo per lo studente.

Obiettivi 

1. Individuare situazioni problematiche in diversi ambiti di esperienza, verbalizzare tali situazioni, trovare gli strumenti di registrazione più adeguati e formulare ipotesi di risoluzione.

2. Tradurre problemi elementari espressi in parole in rappresentazioni matematiche scegliendo anche le operazioni adatte e creare una situazione problema partendo da una rappresentazione matematica data, anche mediante il Coding

3. Trovare strategie diverse, a seconda dei casi, per risolvere problemi.

4. Educazione alla comprensione fruizione ed uso consapevole dei media, soprattutto in riferimento alle dinamiche sociali e comportamentali

5. Promozione delle buone pratiche per diventare responsabili e consapevoli cittadini digitali. 

It's English time

Descrizione: la pratica didattica della lingua straniera è più efficace quando si basa su un approccio “comunicativo”, a partire da una situazione, da un contenuto, con obiettivi realistici, motivanti rispetto a interessi, capacità e contesto degli studenti. Il laboratorio individua ambienti di apprendimento che, varcando le mura della scuola o della città, diventano il contesto reale per l’interazione in lingua straniera (incontri nei parchi, nelle biblioteche, nelle comunità virtuali che permettono l’interazione e condivisione di esperienze e di interessi con native speaker della stessa età). Tale approccio sarà seguito anche attraverso la flessibilità nella progettazione didattica a partire dalla diagnosi degli interessi e delle esigenze linguistiche degli studenti.

Obiettivi: Leggere e comprendere semplici e brevi testi cogliendo il loro significato globale e identificando parole frasi familiari.

 

Tutti gli allegati

Non sono presenti allegati.